Pompe di calore e gruppi frigoriferi, ecco la differenza

Le pompe di calore e i gruppi frigoriferi sono due macchine utilizzate per raffreddare oggetti, merci o ambenti nell’ambito di processi industriali, situazioni casalinghe e necessità domestiche. Nonostante lo scopo sia il medesimo, il funzionamento delle pompe di calore differisce da quello dei gruppi frigoriferi sotto vari aspetti:

Pompe di Calore cosa è e a cosa serve.

Le pompe di calore, chiamata anche termopompa, sono delle macchine termiche il cui compito è di trasferire energia termica (quindi calore) da un luogo (a temperatura inferiore) ad un altro (caratterizzato da temperatura più elevata); per far ciò possono essere diverse le fonti di energia utilizzate, e diversi sono gli apparecchi (comuni o meno) che sono riconducibili a meccanismi propri della pompa di calore. Tra i più comuni che utilizzano questo tipo di sistema ci sono i refrigeratori e i condizionatori d’aria. Oltre alle diverse fonti di energia disponibili per far funzionare le pompe di calore, è bene notare che ne esistono varie tipologie, che presentano delle differenze l’una dall’altra:

  • Pompa di calore a compressione di gas;
  • Pompa di calore ad assorbimento;
  • Pompa di calore a cambiamento di fase;
  • Pompa di calore a scambio geometrico;
  • Pompa di calore termoelettrica a effetto Peltier.

I Gruppi Frigoriferi per i grandi impianti industriali

I gruppi frigoriferi, chiamati più tecnicamente chiller e anch’essi macchine termiche, si basano però su un meccanismo diverso: sfruttano la compressione di alcuni gas per raffreddare liquidi (spesso acqua). Il raffreddamento consiste, ovviamente, nella sottrazione di calore dal liquido interessato, che viene poi spesso utilizzato per fungere a sua volta da “raffreddatore” di altri oggetti o ambienti. Va operata, analogamente a quanto fatto per le pompe di calore, una distinzione in due grandi macrocategorie anche per i gruppi frigoriferi; questi ultimi, infatti, a seconda del fluido utilizzato per la compressione del gas, si dividono in:

  • Gruppi frigoriferi ad aria;
  • Gruppi frigoriferi ad acqua.

Per concludere, una delle più rilevanti differenze tra i due macchinari risiede nell’uso a cui più si prestano e per il quale sono più comunemente impiegati. le pompe di calore, infatti, sono più facilmente adattabili a meccanismi di piccola taglia e consentono quindi di poter beneficiare di consumi ridotti. I gruppi frigoriferi ad aria o ad acqua, al contrario, sono prediletti per grandi impianti industriali ai quali sono demandati compiti più onerosi e per i quali il dispendio energetico e notevolmente più elevato.

Costi e benefici delle pompe di calore e dei gruppi frigoriferi

Per poter parlare dei costi e dei benefici che questi due sistemi bisogna obbligatoriamente parlare di come si fanno a calcolare infatti quando si parla di riscaldamento o raffreddamento non si parla di costo e beneficio ma si parla di rendimento. Il rendimento o resa di per sé non può mai essere superiore a 1, nel caso della pompa di calore è molto semplice da calcolare perché se questa consuma 3kWh di energia elettrica la stessa produce calore pari a 3kWh da o verso la sorgente che è interessata a tale movimento d’aria, per quanto riguarda invece i gruppi frigoriferi il calcolo non è così semplice perché il rendimento varia in base a 2 fattori,

  • Temperatura desiderata del fluido in uscita
  • Temperatura ambiente

Infatti al variare dell’uno varia anche l’altro e di conseguenza il consumo di energia elettrica da parte del gruppo frigorifero.

Pertanto i costi di questi due sistemi non è molto semplice da calcolare a monte ma solo dopo il loro reale utilizzo e in determinate condizioni di stabilità.