Home Blog Page 3

Come funziona la caldaia a condensazione

0

Come funziona la caldaia a condensazione

Nel caso in cui si decidesse di sostituire un vecchio impianto di riscaldamento, oppure si crea la necessità di scegliere una nuova abitazione e quindi bisogna valutare quale sia l’alternativa migliore per il proprio riscaldamento, sarà opportuno valutare l’installazione di un impianto a gas che sia basato su una tecnologia a condensazione. Scegliere di montare una caldaia a condensazione può apportare diversi vantaggi, dal momento che il riscaldamento a gas si adatta a quasi tutti i tipi di abitazioni e consente di avere un elevato livello di benessere per il calore prodotto e per l’acqua calda utile a livello sanitario.

Fare una spesa del genere, cioè decidere di montare questa tipologia di caldaia consentirà di avere dei risvolti positivi sia per sè stessi che per il rispetto dell’ambiente. C’è da considerare come primo step che i costi per l’installazione di una caldaia a condensazione sono sostanzialmente bassi e con uno sforzo ridotto. Inoltre, si avrà anche un consumo di energia più basso, rispetto alla vecchia caldaia. Questi moderni sistemi di riscaldamento a gas sono progettati secondo una tecnologia tale da avere un grosso risparmio in merito ai costi che arriva fino al trenta per cento a confronto della tradizionale caldaia.

Fondamentalmente il riscaldamento a gas si basa su un principio abbastanza semplice, ma al tempo stesso sicuro. Si può contare su una rete di gas che è già pre-esistente, molto sviluppata che può essere abbinata ad un valido e moderno sistema di riscaldamento a pavimento oppure con i tradizionali radiatori. La base tecnologica sulla quale si fonda il funzionamento della caldaia a condensazione è stata nel tempo migliorata, tanto da arrivare ad usare l’energia in maniera sempre più produttiva, dal momento che garantisce un buon bilancio di anidride carbonica rispetto a qualunque altro combustibile fossile. Con l’inserimento nel futuro, di materie come l’idrogeno, il riscaldamento che si produrrà sarà ancora più ecologico. Per tale ragione, fare un investimento in una caldaia a condensazione significherà poter investire per un guadagno futuro, poiché non si tratta di una soluzione solamente temporanea, ma, anzi, grazie alla sua flessibilità e alla possibilità di poterla combinare con soluzioni di energia rinnovabili, ne conferisce una caratteristica vantaggiosa non indifferente.

Nello specifico, una caldaia a condensazione funziona in modo tale che l’acqua viene riscaldata attraverso il calore della combustione così come avviene nelle caldaie tradizionali, però c’è una differenza importante tra le due, cioè che la caldaia tradizionale nel suo processo disperde buona parte dell’energia termica che è stata creata con l’ausilio dei gas combusti buttati fuori dalla canna fumaria. La caldaia a condensazione, invece, si fonda su un processo che evita la dispersione del calore prodotto utilizzando anche l’energia dei gas combusti che vengono introdotti nello scambiatore primario. Il calore dei gas è lasciato allo scambiatore primario, i quali sono tradotti in condensa dopo che si sono raffreddati e vengono successivamente espulsi. Il calore che non si perde e viene raccolto lavora nello scambiatore primario, il quale come prima cosa scalda l’acqua e poi abbassa i costi del comfort.

Sicuramente l’installazione di una caldaia a condensazione apporterà dei vantaggi che saranno identificati in diverse ragioni. Innanzitutto, si può ottenere un’efficienza a livello energetico che arriva fino al novantotto per cento; si ha un grosso giovamento a livello di salute e di tutela dell’ambiente, dovuto alla tecnologia all’avanguardia che caratterizza questo criterio di riscaldamento il quale è basato su un basso livello di emissione di sostanze che inquinano.

Questa caldaia consente di ottenere che i consumi di gas scendano del trenta per cento circa, a confronto della caldaia tradizionale, un grande vantaggio in termini di costi. Inoltre, l’investimento iniziale per poter procedere all’installazione non è assolutamente elevato, tutt’altro si potrà montare una caldaia a condensazione senza essere costretti a fronteggiare una spesa eccessiva. Scegliere una moderna caldaia a condensazione dotata di una tecnologia affidabile consentirà di risparmiare in costi di gestione a lungo termine. L’aspetto da non trascurare è anche l’opportunità di essere validamente combinata successivamente, con una soluzione ad energia rinnovabile, come una pompa di calore, o un pannello solare.

Il modello di caldaia a condensazione con accumulo della Chaffoteaux si presenta con una potenza elevata e delle dimensioni compatte, dotata di una buona tecnologia per poter offrire un ottimo servizio anche ai più esigenti. Si tratta di una caldaia facile da gestire nelle sue componenti, con una tipologia di avviamento semplice, contraddistinta da una caratteristica di spurgo automatico e una regolazione della combustione fruibile direttamente. La sua manutenzione è semplice, perché i suoi componenti sono di facile accesso in maniera frontale. Questa caldaia ha la capacità di avere una riserva di quaranta litri attraverso i due interaccumulatori di cui è dotata composti di acciaio inossidabile. Il vantaggio che apporta è dato dall’accumulo di acqua calda per i sanitari e dalla sua produzione all’istante, quindi ci sarà un rifornimento di acqua calda sempre disponibile anche nel caso in cui si esaurisca la riserva di acqua calda accumulata.

Come eliminare la condensa in casa con gli infissi giusti

0

Come eliminare la condensa in casa con gli infissi giusti

La condensa è un fenomeno fisico che si verifica più comunemente nei mesi invernali. Durante l’inverno, infatti, si riscalda la casa accendendo termosifoni, camini o stufe e, pian piano, la temperatura all’interno dell’abitazione aumenta di molti gradi rispetto all’ambiente esterno. Quest’escursione termica provoca condensa, ovvero il formarsi di goccioline visibili sui vetri delle finestre e, per quanto si possa pensare che sia un fenomeno irrilevante, la condensa crea molti problemi in casa. Si nota principalmente sui vetri poiché sono impermeabili e non permettono alle goccioline di posarsi all’interno ma, la condensa, impercettibilmente, si diffonde in tutta la casa e penetra, silenziosa, all’interno delle mura.

Quali danni può creare la Condensa?

Il deposito continuo della condensa sulle pareti porta al loro deterioramento. Inizialmente si nota che l’intonaco che si gonfia e spacca, nei casi più eclatanti possono staccarsi anche le piastrelle dal muro.
Anche i mobili, soprattutto se in legno, sono soggetti a danneggiamenti, difatti l’umidità li porta a gonfiarsi e rompersi, in particolar modo la parte esterna, mentre i pannelli posteriori possono inumidirsi favorendo il depositarsi della muffa. Ed è proprio quest’ultima ad apportare i danni maggiori all’abitazione: muri, porte, vestiti, tappeti, letti, qualsiasi superficie può essere infestata dalla muffa, un fungo molto aggressivo noto per la sua capacità di diffondersi molto velocemente.

L’impatto sull’Uomo

Muffa ed umidità sono molto pericolosi anche per la salute. La muffa presenta delle micotossine che si depositano all’interno dell’organismo e, soprattutto, nelle vie respiratorie. Con il tempo, essa può favorire l’avanzare di un’allergia respiratoria che si manifesta con: tosse, naso chiuso, congiuntivite e raffreddore; nei casi più seri può portare anche ad ammalarsi di rinite e asma. Anche il mal di testa, l’emicrania e cefalea possono essere i sintomi di una lunga esposizione alla muffa.

Il Ruolo degli Infissi

Se gli infissi non sono in grado di isolare efficacemente la casa dagli agenti atmosferici e dall’umidità, bisogna provvedere con la loro sostituzione, installando porte e finestre performanti dal punto di vista dell’isolamento termico.
Per proteggere la casa da umidità, infiltrazioni e muffa la scelta degli infissi giusti è di primaria importanza per eliminare la condensa in casa in modo definitivo.
Gli infissi ad alte prestazioni, isolando l’abitazione, riducono anche i consumi energetici poiché mantengono una temperatura costante (calda in inverno e fresca in estate) diminuendo le ore di utilizzo di caloriferi, stufe, condizionatori ecc…

Come scegliere gli Infissi giusti

Il materiale è la caratteristica fondamentale di cui bisogna tener conto per avere un buon infisso. Per eliminare la condensa in casa si possono installare diverse tipologie di finestre. Vediamole nel dettaglio.

  • Finestre in Legno: il legno è un materiale naturale ed è un ottimo isolante. Oltre ad essere funzionali, gli infissi in legno valorizzano anche l’abitazione e, abbinabile all’alluminio e impiegato in forma lamellare, risulta resistenze alle deformazioni. Al contrario di come si possa pensare, le finestre in legno non necessitano di grande manutenzione grazie ai miglioramenti fatti, negli ultimi anni, da vari costruttori. Un’innovazione da segnalare è quella dell’azienda Navello che ha inserito all’interno dei serramenti una canalina (warm edge ovvero “bordo caldo”) in acciaio inossidabile e polipropilene, capace di isolare efficacemente la casa. Per maggiori approfondimenti basta collegarsi alla pagina navello.it/accessori/ferramenta/.
  • Finestre in PVC (Polivinile di Cloruro): il PVC è un polimero termoplastico ed è naturalmente isolante, un materiale di prima scelta per gli infissi. Non necessita di manutenzione nel tempo ed è molto resistente.
  • Finestre in Alluminio: se dotate di taglio termico, garantiscono buone prestazioni isolanti. In termini di efficienza energetica non sono però paragonabili alla resa degli infissi in legno e in PVC.

L’importanza della Posa in Opera

La posa in opera degli infissi consiste nel montaggio della finestra, un fattore fondamentale in grado di incidere per il 70% sulle prestazioni energetiche ed isolanti. Dunque, si consiglia di affidarsi a professionisti seri e qualificati che siano d’aiuto, nella scelta di quale tipologia di infissi acquistare e che effettuino un’installazione impeccabile.

Piccole attenzioni

Per eliminare la condensa in casa, una volta montati i nuovi infissi, è necessario prestare attenzione ad alcuni accorgimenti:

  • Evitare di stendere il bucato in casa. In caso non fosse fattibile aumentate il ricambio di aria oppure ricorrere ad un deumidificatore che elimini l’umidità dalla casa.
  • Aprire spesso le finestre per favorire il riciclo di aria soprattutto mentre si cucina, dopo aver usato la doccia e dopo aver stirato. In queste situazioni il calore sprigionato e, in caso della doccia l’umidità, favorisce la formazione di condensa.
  • Limitare il numero di piante in casa perché condizionano il clima interno dell’abitazione.

Anche se possono sembrare attenzioni banali, per eliminare la condensa in casa è importante osservare questi consigli perché, come anticipato, le conseguenze dell’umidità possono essere gravi e non incidono solo sulla struttura interna dell’abitazione ma anche sulla salute delle persone che vi vivono.

Bicicletta elettrica pieghevole: i migliori modelli

0

La bicicletta elettrica pieghevole è un mezzo di trasporto capace di chiudersi: progettata per spostarsi in città, è leggera come una normale bici ma allo stesso tempo comoda grazie alla pedalata assistita. Ecco dunque una guida all’acquisto contenente una classifica dei 6 migliori modelli di biciclette elettriche pieghevoli a pedalata assistita per tutte le esigenze quotidiane con tanto di pro e contro. Si tratta forse di una delle invenzioni più brillanti dell’ultimo periodo. Non è più una novità transitoria, ma una vera e propria rivoluzione di un prodotto che viene distribuito ad un pubblico del tutto nuovo. Questo singolare modello di bicicletta concede il beneficio di poter flettere il telaio e diventare molto ristretta nelle dimensioni in modo tale da poter essere messa da parte comodamente dove si vuole e di poterla trasportare ovunque senza correre il rischio che venga sottratta da qualche malintenzionato. Dal momento che sono stati affermati sia il comfort che l’efficacia di questo prodigioso biciclo, si è pensato di sostenerne l’impiego tramite il Decreto Rilancio che consente di godere di sostegni economici per procedere all’acquisto. Quello delle e-bike non è solo un avvenimento, ma una realtà confermata tanto che le grandi griffe di biciclette come Aimado, Valentini, Nilox e tanti altri hanno capitalizzato per ingrandire i loro modelli con la pedalata assistita. In collaborazione con il sito www.migliorebicielettrica.it abbiamo stilato una lista delle migliori migliori biciclette elettriche pieghevoli.

Biciclette elettriche pieghevoli: Le magnifiche 6!

Un modello in vetta alla classifica di bici elettriche pieghevoli può arrivare a costare quanto un’auto di classe medio-bassa, ma è anche vero che ci sono molte offerte a buon mercato che mirano al miglior rapporto qualità-prezzo. Ecco una lista dei 6 migliori modelli di biciclette elettriche pieghevoli di classe media:

  1. Argento Piuma è un’eBike flessibile ideale per l’uso giornaliero. Questo straordinario mezzo di trasporto può fare affidamento su impugnature in eco-pelle, cerchioni in alluminio e raggi neri. Come se non bastasse per agevolare l’asporto della batteria e dunque per poterla alimentare a casa, il piantone del sellino è sollevabile. Il motore elettrico presenta 250 W di potenza (limite permesso dalla legge), 30 Nm di coppia e può arrivare ad una velocità pari a 25 Km/h. La batteria da 375 Wh consente un’autonomia fino a 70 Km. Semplice da reclinare, la bicicletta possiede ruote da 20 pollici e di un visualizzatore con cui guidare le sue operazioni tra le quali i 3 piani di soccorso. Ha un peso di 22 Kg, quindi è un prototipo abbastanza pesante e non è dotato di uno schermo. Argento Piuma regge fino a 100 Kg. Il fabbricante inserisce una polizza Axa per guasti.
    https://www.amazon.it/dp/B088DVGHHD?tag=hdblit-api-21&linkCode=osi&th=1&psc=1&smid=A11IL2PNWYJU7H
  2. Gocylce GX è una bicicletta elettrica unica a 360 gradi. Esteticamente elegante, abbraccia un telaio in carbonio/magnesio che consente di moderare notevolmente il peso. L’eBike sulla bilancia fa registrare soltanto 15,5 Kg. Creata per la massima maneggevolezza, può essere richiusa senza problemi ed una volta fatto ciò occupa pochissimo spazio. Per quanto riguarda la parte tecnica possiede un motore da 250 W in grado di aiutare durante la pedalata fino a 25 Km/h. Il generatore ha una capacità di 375 Wh e promette un’autonomia fino a 80 Km. I freni sono a disco idraulici. Gocycle GX è anche wireless e infatti per mezzo di un’app sarà possibile in modo concreto e semplice coordinare tutte le attività e le modalità di utilizzo. Grazie ad una base per smartphone, è possibile mutare il proprio telefono in una specie di cruscotto computerizzato. Le ruote sono da 20 pollici con un sistema di sbottono immediato. Il peso massimo sostenibile è di 100 kg. Purtroppo non è un modello che possono permettersi tutti e il manubrio non può essere calibrato.
    https://www.amazon.it/dp/B07ZHJ27Y1?tag=smartdomoti09-21&linkCode=ogi&th=1&psc=1
  3. Gocycle GS è la secondogenita della GX. Propone sempre un look odierno ingemmato, grazie all’uso del magnesio il peso è stato racchiuso in soli 16,5 Kg. E’ facile da reclinare per merito di un meccanismo di sgancio veloce e sicuro delle ruote, inoltre la bici occupa pochissimo spazio. Il motore elettrico ha una potenza di 250 W e presenzia il ciclista sino a 25 Km/h. Ha un generatore da circa 300 Wh che tollera un’autonomia che può spingersi sino a 65 Km. La bici assicura la massima precauzione grazie a freni a disco idraulici. Le ruote sono da 20 pollici e il peso massimo consentito è di 100 Kg. Gocycle GS è una bici ad alta tecnologia, difatti grazie ad un’applicazione per smartphone iOS ed Android è possibile dirigere e monitorare molti aspetti tecnici del biciclo. Questo modello presenta gli stessi svantaggi del modello precedente.
    https://www.amazon.it/Gocycle-GS-Bicicletta-pieghevole-bianco/dp/B07ZH92VC3/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=gocycle+GS&qid=1611069904&s=sports&sr=1-1
  4. Himo Z20 è una eBike piegabile di Xiaomi provvista di una struttura in alluminio dal peso totale di 21,6 Kg. Il motore possiede una potenza di 250 W e sostiene i ciclisti sino a 25 Km/h, come previsto dalla legge. Il generatore da 360 Wh garantisce più di 650 sequenze di ricarica, consente alla bici di avere a disposizione un’autonomia sino a 80 Km. E’ dotata di un cambio a 6 rapporti, copertoni da 20 pollici e il peso massimo consentito è di 100 Kg. Inoltre nel sellino è inserita una piccola pompa per gonfiare le gomme. L’unica manchevolezza che ha è quella di non essere in grado di ammortizzare.
    https://www.amazon.it/HIMO-C20-Bicicletta-Pieghevole-ausiliaria/dp/B07Z3H67TS/ref=sr_1_8?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=349OTTJLMY135&dchild=1&keywords=himo+z20&qid=1611070495&s=sports&sprefix=himo+z2%2Csporting%2C286&sr=1-8
  5. NCM London NCM è un biciclo elettrico richiudibile che si contraddistingue per una caratteristica tecnica fondamentale: ovverosia la batteria da 540 Wh. Ciò le permette di poter usufruire di un’autonomia sino a 90 Km avvalendosi del livello Eco. Purtroppo, il mezzo non è leggero dal momento che sulla bilancia pesa oltre 24 Kg. Il motore elettrico da 250 W ha 6 livelli di soccorso e presta un ausilio al ciclista fino a 25 Km/h. La bicicletta ha una porta USB tramite la quale ricaricare i propri congegni elettronici mentre ci si muove. Il motore le permette di far muovere le 2 ruote ad una velocità di 7 km/h senza pedalare. La struttura pieghevole fa in modo che la bici possa essere rinchiusa anche negli spazi più angusti e senza il bisogno di ricorrere all’utilizzo di utensili. Oltre al problema del peso, questa bicicletta è poco confortevole per le persone dalla statura alta ed il portapacchi non è molto pratico da utilizzare.
    https://www.amazon.it/dp/B07NDVYHQZ?tag=hdblit-api-21&linkCode=osi&th=1&psc=1&smid=A2GX77CDOJ0YAC
  6. Per coloro che sono in cerca di una bici elettrica pieghevole dal prezzo appetibile, tra le migliori citate in questa classifica c’è anche l’i-bike i-Fold 20. Anche questo prototipo con ruote da 20 pollici è tra i più pesanti (24 Kg), ma ha un telaio abbastanza maneggiabile ed un sistema di chiusura facile e veloce. L’i-bike i-Fold dispone di freni a disco, cambio individuale, una forcella ammortizzata ed un motore ”senza spazzole” posteriore con una potenza pari a 250 W. Attraverso il comodo schermo LCD è possibile scegliere tra 3 livelli di soccorso in modo da optare per la tipologia di aiuto del motore che si richiede. La batteria è è da 288 Wh ed ha un’autonomia molto ridotta (30 Km). Il processo di rifornimento dura circa 6 ore. Inoltre tra i vantaggi c’è anche la fattibilità di ricaricare altri congegni elettronici tramite la porta USB.
    https://www.amazon.it/dp/B075MJL15R?tag=smartdomoti09-21&linkCode=ogi&th=1&psc=1

Cos’è la disinfestazione e come funziona

0

La disinfestazione è un’operazione necessaria non solo per eliminare parassiti, ma anche blatte, scarafaggi, formiche e altri insetti che rendono insalubre l’ambiente. Infestazioni possono verificarsi nelle case, ma anche nei locali, soprattutto quelli destinati alla ristorazione. I residui alimentari rappresentano infatti una vera calamita per insetti e topi alla ricerca di cibo.

Per evitare possibili infezioni o altre problematiche legate alla contaminazione dei prodotti e degli alimenti, è opportuno effettuare una disinfestazione completa e mirata, affidandosi a specialisti del settore. È possibile intervenire anche con disinfestazioni preventive degli ambienti, arginando e bloccando in tempo la proliferazione di animali ed insetti infestanti.

Perché si fa la disinfestazione e quando?

Come già accennato, le infestazioni di insetti sono più probabili in aree destinate alla ristorazione. La presenza di questi odiosi animali rischia di minare la salubrità di prodotti, ambienti ed intere aree. La disinfestazione è necessaria in quelle aree dove c’è un elevato numero di insetti volanti, insetti che colonizzano strutture, pareti e pavimenti ed insetti delle derrate alimentari, che si sviluppano nelle aree dove vengono stoccati i prodotti alimentari.

La disinfestazione è necessaria per tenere lontani anche i topi, presenti in giardini o zone campestri e agricole. Purtroppo la presenza di topi è un problema evidente a Roma, anche nei quartieri delle città. In questi casi è opportuno rivolgersi ad un’azienda professionale, come Alternativa Servizi ditta di disinfezione a Roma utilizzando sistemi professionali per eliminare gli indesiderati ospiti in modo assolutamente sicuro.

Il fai da te è assolutamente sconsigliato, poiché c’è il rischio di non utilizzare i prodotti giusti e di rendere l’ambiente ancora più insalubre. Se non viene risolto adeguatamente il problema, vengono messi a rischio non solo gli ambienti, ma anche la salute delle persone. L’eventuale presenza di insetti e topi in attività dedite alla ristorazione, ma anche negozi, magazzini ed uffici, richiederebbe inoltre il blocco dell’attività, determinando un evidente danno economico e produttivo. Ecco perché è necessario rivolgersi a professionisti, capaci di intervenire in modo tempestivo e mirato per eliminare definitivamente gli sgraditi ospiti.

Quante tipologie di disinfestazione esistono?

Le modalità di intervento variano a seconda della tipologia di infestazione. Nelle tubature della rete fognaria ad esempio si annidano le blatte, che riescono a risalire fino alle tubature della cucina o del bagno ed arrivano in casa. In questo caso si utilizzano strumenti specifici e prodotti efficaci per eliminarle in modo risolutivo.

Un altro problema tipico dell’estate, che si manifesta nelle zone di campagna o particolarmente umide, è la presenza di zanzare. Bisogna quindi ricorrere ad interventi qualificati con strumentazioni e prodotti disinfestanti specifici, per ridurre al minimo le infestazioni da zanzare e rendere l’ambiente molto più confortevole.

Dietro le maioliche del bagno o della cucina talvolta nidificano le formiche, situazione che rende necessari interventi invasivi ed anche costosi. Per prevenire il problema è necessario richiedere subito una disinfestazione professionale, evitando che la proliferazione di questi insetti diventi incontrollabile.

Infine è possibile richiedere interventi di disinfezione contro cimici, acari, vespe e piccioni che, a seconda delle zone, possono prolificare rappresentando un vero pericolo igienico e sanitario.

10 cose fantastiche da fare a Malaga con i tuoi amici

0

Disposta lungo la Costa del Sol, Malaga è una città balneare famosa per gli hotel di lusso, le spiagge e le isole a dir poco attraenti. Durante tutto l’anno, questo luogo attira un gran numero di visitatori per le vicissitudini storiche avvenute dalla storia moresca al tempo all’avanguardia. Se stai pensando di organizzare un viaggio in questo luogo con la tua famiglia o gli amici, devi stabilire un piano su quali attività dovresti fare qui e cosa ti piacerebbe visitare a Malaga. Per aiutarti, abbiamo organizzato le 10 migliori attività che puoi goderti a Malaga con i tuoi amici. Diamo un’occhiata!

Organizza un viaggio a Vamos a la Playa de la Malagueta

Vamos a la Playa de la Malagueta è la spiaggia principale di questa città dove puoi goderti fantastici momenti sulla soffice sabbia bianca. Non molto distante dal centro abitato, la spiaggia è ricca di possibilità di svago e offre le migliori attività balneari da poter fare con i propri amici.

Goditi gli sport di Malaga

Gli sport di Malaga sono famosi per la loro diversità e divertimento dove la pratica sportiva può essere praticata nella città costiera. Sulla Costa Del Sol, c’è la possibilità di fare peddling, surf, guida in quad mentre vedi i delfini, rafting e passeggiate in bicicletta. Queste sono le cose migliori da fare in questo posto.

Visita le grotte Nerja di Malaga

Scopri qualcosa di misterioso e unico visitando le grotte di Nerja a Malaga, una catena di enormi grotte sparse per 5 chilometri. C’è anche la stalagmite più grande del mondo che rende questo sito degno di essere visitato. Puoi catturare i migliori ricordi con i tuoi amici qui. Vai in macchina o in autobus. Se hai bisogno di noleggiare un’auto, controlla i prezzi qui: https://www.autoprio.it/it-spagna-aeroporto-di-malaga-costa-del-sol-agp/. Puoi ritirare l’auto in città o in aeroporto.

Mangia le sarde alla griglia di Malaga

Mangia e goditi le sarde grigliate perché non dimenticherai mai il loro gusto e profumo in compagnia dei tuoi amici. È una cosa assolutamente da non perdere a Malaga perché queste sarde vengono pescate, cotte e mangiate all’istante e conservano un sapore unico.

Organizza un picnic al giardino botanico

Trascorri un momento rilassante e indimenticabile con i tuoi amici pianificando un picnic nel giardino botanico che vale la pena visitare in tutte le stagioni. Le spiagge, i bellissimi fiori, i paesaggi, le vegetazioni e i corsi ne fanno il posto migliore per collezionare ricordi a Malaga.

Fai un bagno all’Hammam al Andalus

Sebbene sia un’attività costosa, non dovresti perderti questa esperienza poiché fare un bagno arabo è un’esperienza unica. Cinque bagni termali, il massaggio del corpo e la decorazione Nazari offrono pace per anima, mente e corpo.

Organizza una festa

Le feste alla Feria de Malaga sono le cose migliori che puoi fare con i tuoi amici durante il tuo viaggio. Questa grande fiera offre attività eccellenti che non dimenticherai mai per tutta la vita. La riconquista dell’Andalusia, la festa con flamenco e lo sherry saranno fonte di grande divertimento.

Senti le emozioni della musica flamenca

Vai e goditi la favolosa musica flamenca con i tuoi amici con la danza di eccellenza presentata al pubblico. Questa musica scatena la passione che c’è dentro di te e la famosa danza è in grado di richiamare folle di persone pronte a divertirsi.

Vai a Marbella

Visita Marbella e passa dei momenti indimenticabili in un luogo in cui la cultura moresca si mescola con i servizi del resort di classe mondiale. Ti godrai tutte le eccezionali possibili attività, tra cui i giri in acqua, le diverse attività acquatiche e il fantastico clima.

Museo Picasso

Il Museo Picasso è un luogo fantastico in cui farti ispirare dagli artisti più significativi per te e dalle loro opere. Passerai sicuramente dei momenti di qualità e memorabili con i tuoi amici mentre ammiri le leggendarie opere d’arte.

Canon EOS R5 il futuro di Canon è mirrorless

0

Finalmente dopo mesi di attesa, Canon ha deciso di rendere ufficiale la sua nuova produzione di mirrorless full frame EOS R5 in un video in streaming live su youtube.
Le innovazioni portate rispetto al vecchio modello sono tante: velocità, la qualità finale dell’ immagine, stabilizzazione, sono alcuni dei tanti miglioramenti su cui Canon è intervenuta al fine di portare a termine la realizzazione di un progetto che soddisfa in pieno anche le richieste dei fotografi professionali, compresi i videomaker.

Caratteristiche EOS R5 Canon: foto

EOS R5 è la fotocamera più avanzata compatta, leggera e resistente alle intemperie, prodotta da Canon, con sensore interno full frame CMOS da 45 megapixel appoggiato da un innovativo processore Digic X, questa accoppiata garantisce eccezionali prestazioni, permettendo di poter di scattare in un solo secondo 20 foto con l’utilizzo dell’otturatore elettronico, oppure 12 foto con l’ otturatore meccanico.

Caratteristiche EOS R5 Canon: video

Le innovazioni, invece, per quanto riguarda le riprese, garantiscono di poter usare questa innovativa fotocamera e poter registrare video in 8K RAW fino a 30 fps o in 4K fino a 120 fps senza nessuna difficoltà.
Inoltre l’ innovativo processore d’ immagine e il sensore permettono di poter ottenere una messa a fuoco più precisa e veloce in 0,05 secondi.

Caratteristiche tecniche Canon EOS R5

Canon EOS R5 è stata realizzata con tecnologia: Dual Pixel CMOS AF II, che permette di coprire l’ area messa a fuoco al 100%, insieme a 1.053 zone AF selezionate in maniera automatica.
Il meccanismo della messa a fuoco è composto da innovatici e tecnologici algoritmi di tracciamento AF utile per l’ apprendimento automatico che, grazie al sensore e alla velocità del processore, garantiscono dei risultati impeccabili, sia nei casi in cui venga selezionata la messa a fuoco con sistema manuale, sia che venga scelto di rilevare la testa o gli occhi, anche di animali come ad esempio uccelli, gatti e cani.
Un ‘ulteriore novità garantita da EOS R5 è la sua stabilità di immagine interna, IBIS, a 5 scatti che, insieme al già presente sistema di stabilizzazione sulle lenti RF, permette di poter ottenere fino a 8 stop utili per la correzione del movimento.
Tale meccanismo garantisce di riprendere qualsiasi scena in maniera impeccabile senza nessun contenuto mosso.
Il suo design presenta un LCD completamente rinnovato con 2,1 milioni di pixel, mirino ottico di 5,76 milioni di punti con una frequenza di aggiornamento pari a 120 Hz, uno slot doppio per le schede di memoria, una porta utile per inserire il microfono esterno, una micro porta HDMI, un jack per utilizzare le cuffie e infine la possibile di connessione a wifi e bluetooth.

Canon EOS R5: velocità e stabilità

Questa nuova fotocamera realizzata dalla prestigiosa azienda Canon permette, come letto fin qui in questo articolo, ottime prestazioni, la sua insuperabile velocità di 12 fps grazie all’ otturatore meccanico e 20 fps mediante l’utilizzo dell’otturatore elettronico, permettono di attribuire a questa EOS R5 nuovi standard destinati al suo utilizzo.
Infatti è ideale per un vasto ambito di utenze, dalle foto naturaliste a quelle di eventi importanti come matrimoni.

Canon EOS R5: il futuro della fotografia

Grazie alla realizzazione di una fotocamera perfetta in ogni suo aspetto, Canon ha permesso anche a tutti coloro che necessitano di uno strumento per realizzare foto e video unici di poter usufruire di immagini con un alta risoluzione sia per il mondo dei film making, sia della fotografia, aprendo in questo modo le porte alla possibilità di ottenere delle riprese di qualità cinematografica in 8K.
Mentre qualora se ne presenti la necessità poter procedere al riposizionamento dell’ inquadratura in 4K.
Poter condividere dei contenuti è importante nella stessa maniera in cui è fondamentale l’ acquisizione di video e immagini: per tale ragione Canon EOS R5 offre la possibilità di poter integrare la funzione di trasferimento dei file dal dispositivo in modo completamente automatico alla piattaforma cloud image.canon.
Tale procedimento innovativo di passaggio delle immagini permette a qualsiasi utente di avere la possibilità di poter visualizzare in modo istantaneo su altri dispositivi i propri contenuti, anche nelle occasioni in cui si possono trovare in viaggio o nei posti di lavoro.
Tutto questo è reso anche più facilitato e comodo grazie alla presenza di due slot per le apposite schede memoria.

Conclusioni
Grazie all’ azienda Canon e alla sua nuova creazione, EOS R5, il futuro della fotografia e delle immagini video ha la possibilità di offrire a chiunque, dagli appassionati, fino ai professionisti di realizzare delle immagini di qualità superlative, utilizzando uno strumento facile da trasportare, grazie sia al suo design che al suo peso specifico.
Si può dunque affermare che davvero Canon EOS R5 è la mirrorless del futuro.

Comprare libri con copertina rigida: 5 motivi per farlo

0

Comprare libri con copertina rigida è, per un lettore, un qualcosa che ancora emoziona. Infatti, la lettura è, per molte persone, una parte fondamentale della loro vita. Tuttavia, in questo momento storico in cui viviamo, esistono davvero molte opzioni per scegliere un libro da leggere.

Esistono varie tipologie di libri che puoi comprare, come ad esempio il vecchio buon libro con copertina rigida, oppure un libro in formato digitale. Naturalmente, per un amante della lettura, il classico libro con copertina rappresenta un enorme fascino e difficilmente potrà essere sostituito con un e-book da poter leggere sul proprio device digitale.

Comprare libri con copertina rigida mantiene ancora il suo fascino

Diciamoci la verità, il libro con copertina mantiene ancora il suo fascino nell’immaginario popolare, rispetto a tantissime altre cose. Ma cosa esattamente distingue un classico libro con copertina dagli altri formati di libri da poter leggere?

Comprare libri con copertina rigida significa poterli conservare negli anni

Un lettore appassionato, difficilmente potrebbe prendere in prestito un libro da una biblioteca. Solitamente, queste persone hanno il desiderio bramoso di voler possedere ciò che leggono. Se anche tu sei una persona che ama leggere, potresti aver bisogno di alcuni consigli per comprare libri. Magari hai il desiderio di creare una biblioteca a casa tua e vuoi avere delle proposte su cosa leggere. Bene, se questo è il tuo obiettivo, puoi cercare un sito di recensioni libri che sappia soddisfare le tue necessità di lettore.

Realizzare una biblioteca tutta tua, nello spazio domestico di casa potrebbe davvero essere un tuo obiettivo da soddisfare. Infatti, in generale, i libri con copertina sono il desiderio di molti amanti della lettura. Un motivo per possedere un libro con copertina rigida è che dura molto più di qualsiasi altro formato. Un libro tascabile potrebbe, ad esempio, rovinarsi se viene a contatto con un pochino di acqua e la copertina potrebbe strapparsi. Questi libri con copertina rigida, invece, sono molto più durevoli degli altri. Ovviamente, anche loro hanno bisogno di essere curati, ma non sono fragili come gli altri.

I libri con copertina rigida sono adatti anche alle giovani generazioni

L’acquisto di libri con copertina rigida è particolarmente adatto alle scuole che hanno a che fare con le giovani generazioni. Infatti, quando gli insegnanti distribuiscono libri tascabili da leggere agli studenti, corrono il rischio che tali opere non vengano restituite nelle stesse condizioni. I libri con copertina rigida, invece, durano più a lungo a casa, resistono di gran lunga meglio se sono riposti negli armadietti di scuola, nelle borse o negli zaini degli studenti.

Vantaggi rispetto ai libri elettronici

Certamente, i libri elettronici hanno i loro vantaggi. Sono comodi da portare con te e sono migliori per l’ambiente. Tuttavia, leggere un libro con copertina rigida ha alcune qualità speciali che non possono essere canalizzate con un libro in formato elettronico. Avere un libro con copertina rigida tra le mani può darti maggiori possibilità di entrare veramente in contatto con i personaggi o ricordare perché ti sei innamorato della lettura e di tutte le sue sfumature. Fortunatamente, sono ancora in molti a sostenere e amare il vecchio libro con copertina rigida. Ovviamente, essendo anche tu amante di questi libri, sentiti chiamato in causa verso la salvezza di questo affascinante strumento di arte.

Sono libri da poter leggere o da utilizzare per rendere più piacevole i tuoi spazi domestici

Leggere i tuoi libri è sicuramente la parte che ti interessa di più fare. Ma, se lo desideri, puoi comprare libri con copertina rigida anche da usare come centrotavola per la tua scrivania. Infatti, i libri con copertina rigida sono generalmente più attraenti di altri tipi e possono aggiungere un’aria di raffinatezza alla tua stanza. Che tu abbia una pila di ricettari su uno scaffale in cucina o alcuni dei romanzi più classici di tutti i tempi sul tavolino del soggiorno, questi libri dalla copertina rigida possono sicuramente aggiungere un tocco di classe in più al tuo spazio domestico.

Questi libri sono ottimi per prendere appunti

Se utilizzi i libri per la tua formazione scolastica, parte di questi libri implica che tu debba prendere appunti su di esso. Anche quando hai terminato i tuoi studi, se sei uno abituato a prendere appunti sui libri, continuerai a farlo. Infatti, prendere appunti in un libro può aiutare a migliorare la tua memoria, può aiutarti a sottolineare aspetti importanti da ricordare. Qualunque sia il motivo, è più probabile che i libri con copertina rigida resistano alle tue sollecitazioni di prendere appunti rispetto a quelli tascabili. Inoltre, essendo la copertina rigida, non devi lottare per tenere premuto il libro mentre cerchi di scriverci sopra.

La cremazione in Italia: facciamo il punto della situazione

0

17 Le imprese di pompe funebri e tutti coloro che hanno a che fare con i cadaveri si stanno adeguando alle disposizioni.

Insieme a tumulazione e inumazione, infatti, questa modalità sta prendendo sempre più piede. Se non lo è già, si trova sulla buona strada per diventare la soluzione preferenziale. Per conoscere le differenze tra i vari metodi di sepoltura e approfondire l’argomento, clicca qui.

Religione di appartenenza, questioni legate all’igiene, disponibilità finanziarie sono alcuni dei motivi per propendere verso l’una o le altre possibilità. Bisogna rispettare le ultime volontà dei propri cari, ma anche fare i conti con la legge.

Sbagliare qualcosa in tale frangente potrebbe significare pagare delle conseguenze a distanza di anni. Ben lo sanno le persone che hanno compiuto degli azzardi in passato e stanno facendo fronte agli effetti, soprattutto di natura economica.

Accanto a un regolamento nazionale, esistono delle norme che variano in base al Comune di appartenenza. Come comportarsi, quindi, per esaudire gli ultimi desideri dei congiunti? Lo scopriremo nelle prossime righe.

Il rito di cremazione in Italia

La normativa italiana permette di bruciare i cadaveri secondo due opzioni:

  • indiretta, con surriscaldamento delle pareti del crematorio ed impiego di bruciatori a gas o elettrici;
  • diretta, tramite la fiamma a contatto con la salma.

In entrambe le situazioni, le temperature si aggirano sui 1000°C. Con apparecchiature adeguate e l’applicazione di specifici requisiti di sicurezza, si elimina qualsiasi rischio a livello igienico-sanitario.

Ma tutto questo deve avvenire con gradualità, motivo per cui la procedura si svolge in più passaggi che si esauriscono nell’arco di due-tre ore.

Il primo consiste nell’effettuare una sommaria combustione del corpo. Gran parte delle spoglie bruciano, lasciando il posto a ceneri ed ossa calcificate.

La seconda fase è di ventilazione, con rilascio di ossigeno. Questo permette di completare il processo e di concluderlo. Prima della collocazione dei resti nelle urne, comunque, vanno separate le ceneri da eventuali residui metallici della bara.

Che fine fanno i resti?

Nei film statunitensi è comune vedere urne cinerarie tra le mura domestiche. Sembra quasi di stabilire una sorta di continuità nel rapporto con i propri cari finiti nell’Aldilà (per chi ci crede) o, quanto meno, di vivere l’illusione che siano ancora in questo mondo. Ma è così anche per la cremazione in Italia?

In verità, la situazione è un po’ più complessa. In seguito alla combustione, infatti, non è possibile portare le ceneri dei congiunti a casa, neanche se si tratta di lasciarle in giardino.

Nel nostro Paese, le possibilità sono due: dispersione in luoghi definiti dalla legge oppure collocazione in precise aree dei cimiteri. In entrambi i casi, la normativa di riferimento è la Legge 130 del 30 marzo 2001.

In merito alla prima ipotesi, è indispensabile richiedere le opportune autorizzazioni ai funzionari del Municipio di competenza. Inoltre va appurato se il defunto abbia espresso tale volontà, tramite documenti scritti o accordi verbali.

Affidarsi alla burocrazia è tassativo ed elimina qualsiasi rischio di multe o di pene detentive. In caso di violazione delle norme, infatti, colui che compie l’abuso rischia il carcere fino ad un anno o una sanzione a partire da oltre 2500 € fino a quasi 13000 €.

Anche le persone a cui è affidato questo compito e i luoghi risultano soggetti a limitazioni. Sempre in base alle disposizioni, potranno occuparsi dello spargimento delle ceneri soltanto alcune categorie di persone.

Fra questi ricordiamo i parenti stretti del defunto, i dipendenti comunali che svolgono tale mansione o soggetti scelti dal defunto per assecondare tale volontà.

Per concludere, l’ultimo saluto dovrà avvenire lontano dalle aree urbane. Fiumi, montagne, laghi, mari, parchi sono le zone in cui è permesso disperdere i resti combusti, a condizione che, in quel momento, non vi siano altre persone intorno.

Tè Matcha: le tante proprietà di un elisir per la salute e il benessere

0

Avrete forse sentito già parlare di questo tè, il Matcha, una bevanda molto in voga tra blogger salutisti, ma che trova le sue origini proprio tra i monaci buddhisti, quasi mille anni fa. A quei tempi il tè Matcha era usato soprattutto per riti e cerimonie, e oggi è arrivato anche in Occidente grazie alle tantissime proprietà che possiede. Ma vediamo allora perché vale la pena provare questa bevanda preziosa, la quale potrebbe diventare la vostra nuova abitudine al posto del caffè.

  • Le proprietà del tè Matcha;
  • dove trovarlo;
  • quanto assumerne?

Le proprietà del tè Matcha

Prima di tutto dobbiamo precisare che il tè Matcha appartiene alla famiglia dei tè verdi, quindi tè non fermentati e stabilizzati subito dopo la fase di raccolta. In questo modo le foglie non subiscono alcun processo di ossidazione, mantenendo la loro tonalità verde. Inoltre i coltivatori ricoprono le coltivazioni di questo tipo di tè, proteggendolo quasi totalmente dalla luce solare. In tal modo tutte le proprietà vengono conservate maggiormente.

Una delle proprietà maggiormente riconosciute del tè Matcha è quella antiossidante. Proprio grazie alla mancanza di ossidazione delle foglie, queste mantengono polifenoli e derivati, conferendo al Matcha il primato su tutti i tè verdi in quanto a percentuale di antiossidanti. Ma perché sono così importanti? Per prima cosa prevengono l’invecchiamento cutaneo e dei tessuti, dal momento che permettono un rinnovamento cellulare costante e ottimale. A ciò ne consegue anche una disintossicazione degli organi e della pelle.

Il tè Matcha risulta anche un fantastico digestivo e antiacido: agisce infatti come coadiuvante per le mucose dello stomaco, così come per l’intestino. Nel caso soffriate di intestino irritabile il tè Matcha può rendervi la vita più semplice e piacevole. Allo stesso modo disintossica il fegato così come fa con gli altri tessuti.

Ottime notizie arrivano anche per quelle persone a rischio diabete: il tè Matcha contrasta l’assorbimento degli zuccheri nel sangue, e allo stesso modo è in grado di abbassare il colesterolo.

Viene inserito in molte diete perché ha proprietà dimagranti, bruciando grassi e contrastando la formazioni di depositi adiposi. Molte persone desiderose di perdere peso ne fanno uso, ottenendo in più i benefici sopracitati, e rafforzando allo stesso tempo il proprio sistema immunitario.

Infine, il Matcha viene sfruttato localmente sulla cute per contrastare i segni dati da cicatrici e da scottature, e sono diverse le case cosmetiche che hanno iniziato a sfruttarlo all’interno, appunto, di cosmetici.

Dove trovarlo

Il tè Matcha, essendo sempre più famoso e utilizzato, lo si può trovare in molti negozi, in particolare però lo potete reperire in erboristerie o negozi specializzati di alimentazione biologica e prodotti naturali.

Anche su diversi shop online potreste trovare ottime qualità di tè Matcha. Per scegliere quello giusto l’ideale è consultare le recensioni online lasciate da chi ha già provato il prodotto. In questo modo saprete con più certezza se la qualità del Matcha che state valutando sia buona, così come se il negozio da cui avete deciso di acquistarlo è affidabile e l’eventuale spedizione ha tempistiche rapide.

A questo proposito prima di acquistare il vostro tè Matcha date un’occhiata a recensione italia, dove trovate centinaia di recensioni reali e affidabili su tantissimi prodotti.

Quanto assumerne?

Essendo il Matcha un tè dalle tante proprietà e pochissime controindicazioni, superare la quantità da assumere risulta davvero difficile, così come ne basta davvero pochissimo per poter godere di tanti benefici. Sarà a vostra discrezione decidere se utilizzarne qualche grammo in più o in meno per ottenere una bevanda più o meno densa. Da 1,5 a 4 grammi in una tazza d’acqua risulteranno sufficienti, e potrete concedervi anche più di una tazza al giorno di questa deliziosa e fantastica bevanda.

Nebulizzatore per sanificazione: come funziona per sanificare gli ambienti

La sanificazione degli ambienti attraverso il nebulizzatore: tutto quello che c’è da sapere

Le vigenti norme igieniche, specialmente inasprite per via della comparsa del covid-19, prevedono una sanificazione degli ambienti lavorativi, e non, piuttosto severa e attenta. Sanificare gli ambienti sarà possibile farlo attraverso diverse metodologie, ma ce n’è una che risulta più efficace fra tutte le altre: stiamo parlando del nebulizzatore per la sanificazione. Seppur il nebulizzatore sia uno dei metodi più efficaci e utilizzati per poter sanificare gli ambienti in modo sicuro e pratico, non tutti sono a conoscenza di come funzioni e del perché sia così importante e utile sanificare gli ambienti. Se siete interessati a scoprire a chi affidarvi per la sanificazione ambienti a Roma, e per approfondire la tematica del nebulizzatore, continuate a leggere questo articolo!

Che cos’è il nebulizzatore per la sanificazione

Il nebulizzatore è un particolare strumento che potrà permettere di nebulizzare gli ambienti per poterli sanificare. La nebulizzazione consiste nello spruzzare sulle superfici da sanificare, sugli arredi e anche sui macchinari, delle particolari sostanze chimiche composte da elementi con una altissima potenza disinfettante. Questa particolare sostanza, posandosi sulle superfici da trattare, potrà agevolmente abbattere i microbi e i virus presenti: il risultato sarà proprio quello di avere qualsiasi superficie igienizzata, pulita e assolutamente sicura per l’uomo. In linea generale, l’utilizzo del nebulizzatore è soprattutto indicato laddove si debba fare una sanificazione importante di ambienti ampi oppure industriali, poiché la sostanza nebulizzante non intaccherà minimamente le strumentazioni e i macchinari.

Come agisce il nebulizzatore per la sanificazione

Sanificare gli ambienti utilizzando il nebulizzatore è un metodo assolutamente sicuro, ma dovrà essere necessariamente effettuato da un team d’esperti nel settore. Quando si andrà a sanificare l’ambiente con la nebulizzazione, infatti, non dovranno essere presenti persone all’interno degli ambienti da sanificare, ed esistono diverse tecniche di nebulizzazione a seconda della tipologia dei locali da trattare. In linea generale, dopo la nebulizzazione non si potrà accedere agli ambienti per minimo 24 ore, e verrà successivamente rilasciata una certificazione che garantirà l’avvenuta sanificazione, potendo così entrare nuovamente negli ambienti lavorativi finalmente puliti e sicuri.

Alcuni consigli per tenere delle buone abitudini igieniche

Una volta effettuata la sanificazione, la sua durata nel tempo potrà variare, e migliorare, se si attuano alcuni piccoli consigli, e buone pratiche igieniche, in grado di preservare l’ambiente più sicuro e sano. Ad esempio, è buona norma lavarsi spesso le mani, evitando di toccarsi il viso con le mani. Se possibile, sarebbe bene mantenere una distanza di almeno un metro tra le persone, e che i punti di incontro con esse siano limitati a determinate zone dell’ambiente, anziché tutte. Nel caso in cui non fosse possibile mantenere le minime distanze, sarebbe opportuno indossare la mascherina, e pulire frequentemente le strumentazioni e le superfici che più si utilizzano, sanificandole con prodotti a base alcolica, facendo però attenzione alle attrezzature elettroniche.

Per concludere, la nebulizzazione degli ambienti per la loro sanificazione è uno dei metodi più pratici e utilizzati specialmente per i locali lavorativi che necessitano di un’azione sanificante importante ed efficace, in grado di coprire un’ampia metratura. Grazie alla sanificazione degli ambienti sarà possibile eliminare, con un’azione mirata, tutti i microbi, batteri e virus presenti nell’ambiente e su qualsiasi superficie, permettendoci così di poter lavorare in un ambiente sano e sicuro per la nostra salute fisica, senza nessun rischio.