Home Blog Page 2

Offerte gas casa: come trovare la migliore attualmente sul mercato

0

Tutti noi disponiamo di un contratto domestico per il gas, e questo è realmente fondamentale per la nostra quotidianità. Anche nel caso in cui nella propria abitazione non arrivasse il gas bisognerà procedere all’utilizzare una bombola del gas GPL. Le soluzioni sono particolarmente differenziate.

Vuoi scoprire alcuni dei dettagli più importanti e significanti che riguardano le migliori offerte gas casa e di come trovarle per poter ottenere un notevole risparmio economico?

Bene, allora non possiamo fare altro che consigliarti di continuare nella lettura del nostro articolo, in quanto stiamo per andare a parlarne in maniera specifica e dettagliata, affinché tu possa poter sottoscrivere il miglior contratto attualmente presente sul mercato.

Ti auguriamo quindi una buona lettura!

Le migliori offerte del brand Agn Energia

Il nuovo brand di distribuzione di corrente elettrica e gas Agn Energia ha messo a disposizione dei clienti un listino completo e adatto a tutti.

Sul sito, infatti, sono presenti delle soluzioni personalizzate, le quali saranno utili per poter ottenere il miglior prezzo attualmente presente sul mercato.

Come utilizzare i comparatori di offerta per trovare il contratto attualmente migliore sul mercato

Per poter trovare la migliore offerta per il gas si può sfruttare il comparatore, presente anche sul sito web di Agn Energia, grazie al quale sarà possibile analizzare i vari prezzi e come questi vengono distribuiti nel tempo, calcolando anche l’eventuale risparmio che si potrebbe ottenere.

Questo è senza dubbio uno dei più grandi vantaggi che si possano ottenere in quanto la visione sarà complessiva e oggettiva, e soprattutto utile per tutti i clienti che si trovano spaesati e non conoscono esattamente le offerte.

Come sottoscrivere un contratto di energia elettrica e di gas

Sottoscrivere un contratto di energia elettrica e di gas con Agn Energia è molto semplice, potendolo fare in totale autonomia direttamente dal sito web ufficiale dell’azienda.

È presente una sezione dedicata all’interno della quale si sottoscriverà il contratto selezionando le offerte che si desiderano e concludendo il tutto in pochissimi minuti.

Le conclusioni

Siamo così arrivati alla fine del nostro articolo in cui abbiamo avuto modo di scoprire quali sono le modalità con cui trovare le migliori offerte per il gas della propria abitazione. Sottoscrivere un contratto è ovviamente fondamentale, così come lo è trovare delle eventuali soluzioni nel caso in cui non arrivasse il gas nella propria zona e dunque si necessita di una bombola di gas GPL.

Agn Energia è una delle aziende che si sta facendo maggiormente conoscere negli ultimi periodi, anche offrendo delle soluzioni molto convenienti ad un prezzo contenuto. Questa offre e commercializza anche le bombole a gas GPL, dunque sarà la propria migliore scelta anche sotto questo punto di vista.

Non ti resta altro che contattare l’azienda per poter avere delle ulteriori informazioni sui contratti è finalmente sottoscriverlo, e siamo sicuri che non te ne pentirai affatto sia per il servizio ottimale, che per i prezzi estremamente contenuti e ottimali.

Allergia o intolleranza alle uova

0

Chi non soffre di allergie o intolleranze alimentari tende ad avere una conoscenza abbastanza superficiale di tali condizioni. Stiamo parlando di condizioni cliniche, che possono causare sintomi anche gravi. Se da un lato le allergie tendono a causare sintomi abbastanza forti, perché mediati dal sistema immunitario, in molti casi le intolleranze invece danno sintomi più sfumati, che non sempre è facile correlare al consumo di uno specifico alimento o al contatto con un prodotto particolare. Per questo motivo quando si notano sintomi di un certo tipo, come ad esempio un rush cutaneo, disturbi gastro intestinali che si presentano con una certa frequenza, o ancora difficoltà nella digestione, è consigliabile recarsi dal medico.

I sintomi dell’intolleranza e dell’allergia alle uova

Come avviene anche con altri alimenti, l’intolleranza alle uova può dare sintomi molto sfumati, quali ad esempio una sensazione di gonfiore in seguito all’ingestione di alimenti contenenti questo ingrediente. Per quanto riguarda l’allergia è bene chiarire che spesso questo tipo di risposta immunitaria offre sintomi che dipendono dalla problematica in sé e non dall’alimento che si ingerisce. I sintomi sono quindi abbastanza generici e possono essere più o meno gravi in base a due elementi: la quantità di alimento cui si è allergici ingerito e la risposta immunitaria dell’organismo a quella specifica somministrazione. Solitamente però si parla di una risposta degli anticorpi, che non riconoscono uno specifico alimento come sostanza benefica e la respingono. Il risultato può essere una semplice orticaria o prurito della pelle, difficoltà respiratorie, tosse o anche rinite allergica. Questi sintomi si possono presentare anche solo al contatto con uno specifico alimento.

Quante persone sono allergiche alle uova

Effettivamente ci sono alimenti che si comportano da allergeni in una buona percentuale di soggetti che manifestano allergie alimentari. Nel senso che tra coloro che soffrono di un’allergia alimentare più del 90% manifesta i sintomi sopra descritti all’ingestione di: uova, latte, crostacei, noci, soia, arachidi e frumento. Per quanto riguarda le uova la parte che può causare allergie è soprattutto l’albume, perché il sistema immunitario risponde alla presenza di specifiche proteine. Come dicevamo prima, se si ritiene di soffrire di allergia alle uova è importante chiedere consiglio al medico curante, che potrà richiedere l’attuazione di appositi test diagnostici. Solitamente quando si valuta l’allergia a un alimento si verificano anche altri alimenti, in modo da ottenere maggiori informazioni; inoltre questi test in alcuni casi possono indicare anche il “grado” di allergia allo specifico alimento.

Il “problema” delle uova

Chi è allergico alle uova può evitare vari problemi, anche gravi, eliminando questo alimento. Sembra facile, ma in realtà non lo è poi tanto; nel senso che evitare di consumare una frittata, un uovo all’occhio di bue o una omelette è una soluzione semplice da attuare. Più difficile è invece evitare tutti quegli alimenti che possono contenere anche solo tracce di uova: dai biscotti a vari formati di pasta, dal torrone al gelato, dal surimi alle meringhe, fino ad arrivare ad alcuni emulsionanti utilizzati nell’industria alimentare, che sono ottenuti dall’albume delle uova.

5 ottimi motivi per togliersi le scarpe per stare in casa

Per quale motivo privarsi delle calzature tra le mura casalinghe viene definita la migliore tra le abitudini? Le motivazioni sono a tal proposito molteplici. Alcune di queste rivestono un’importanza maggiore, dato che riguardano l’ambito del benessere. Altre, contrariamente a quello che per errore si potrebbe credere, appaiono tuttavia tutt’altro che secondarie. Soprattutto negli ultimi tempi, sempre di più sono le famiglie che, prima di accogliere nella propria abitazione gli ospiti, chiedono a questi ultimi di togliere le scarpe. Malgrado possa apparire un’imposizione esagerata, si tratta tuttavia di un’abitudine che porta con sè un numero tutt’altro che risibile di vantaggi. Ma quali sono? Vediamone insieme cinque.

Pulizia, prima di tutto

Togliersi le scarpe sun 68 in casa influirà positivamente su una pulizia casalinga per la quale, soprattutto se si ha la fortuna di avere un’occupazione, si dispone di sempre meno tempo. Pulire i pavimenti costituisce quindi un’incombenza che non tutti possono portare a termine giornalmente. Senza poi contare che, nel caso particolare delle casalinghe, esse devono provvedere durante l’arco della giornata a sbrigare faccende ulteriori, dalla spesa al bucato fino ad arrivare alla stiratura dei capi.

Per un relax che non ha prezzo

Un’altra motivazione per la quale togliere le scarpe quando si è in casa riguarda un relax al quale tutti, ovviamente, ambiscono. Quello che appare un gesto semplice gioverà al benessere sia dei padroni di casa sia degli ospiti eventuali. La sensazione sarà quella di aver dato vita ad un’atmosfera nella quale l’unica costante è costituita da una salutare tranquillità. D’altronde, la prima regola d’un buon accogliente prevede l’obbligo di mettere a proprio agio coloro che accorrono. Mettere in cima alla lista dei propri pensieri la rilassatezza, da perseguire anche in tal modo, tramuterà il gesto in un qualcosa che peserà meno a ciascuno.

Le pavimentazioni

Come detto prima, privarsi delle calzature in casa è un obbligo soprattutto quando, per dedicarsi alle pulizie casalinghe, si può contare su tempistiche piuttosto risicate. Attraversare scalzi i pavimenti aiuterà a mantenere lindi questi ultimi per un periodo di tempo maggiore. Sotto le scarpe, infatti, notoriamente tendono annidarsi sia lo sporco sia batteri che, soprattutto di questi tempi, sarebbe meglio lasciare al di fuori. Quel che infatti viene calpestato esternamente verrebbe trasportato, tramite le scarpe, tra le mura di casa, per una pulizia che in tal caso non sarebbe il massimo.

Occhio alla salute

Togliere le scarpe negli ambienti casalinghi, stando a ciò che numerose ricerche sono negli anni arrivate ad affermare, farebbe bene alla salute. Camminare scalzi, infatti, stimolerebbe la corretta attivazione della circolazione sanguigna. Questo perché i piedi non verrebbero costretti a rimanere per lungo tempo all’interno di calzature spesso e volentieri tutt’altro che comode. Come se ciò non fosse ancora sufficiente, a risentirne positivamente sarebbe la mobilità gli arti posizionali inferiormente. Piedi e caviglie, soprattutto. Detto ciò, tanti risultano essere pertanto gli effetti benefici per una salute verso la quale rivolgere sempre un occhio attento.

Rispetto per i vicini

Come facile è immaginare, togliere le scarpe in casa aiuta a ridurre ai minimi termini rumori i quali, soprattutto se si vive all’interno di un condominio, potrebbero a lungo andare provocare dissidi e fraintendimenti con i vicini. A coloro i quali vivono in appartamento, infatti, sarà capitato diverse volte di aver nitidamente udito rumori provocati da tacchi che se ripetitivi diverrebbero davvero seccanti. Una regola, giunti a questo punto, vale più delle altre. Cosa buona e giusta sarebbe evitare di commettere gesti che ad altri darebbero fastidio. Più che di rispetto, si tratta di buon senso.

Esistono delle alternative?

Vi è, tuttavia, chi non gradisce l’idea di girare in casa con i calzini indosso. A correre in soccorso a chi non vuol piegarsi in questo senso vi sono delle soluzioni alternative ed altrettanto funzionali. I calzini antiscivolo vanno vagliati senza troppa convinzione, dato che non sono in grado di mantenere i pavimenti puliti. Senza poi contare che provvedere a lavarne giornalmente delle vere e proprie cataste non rappresenterebbe affatto una botta di vita. A tutto ciò, è possibile ovviare virando su ciabatte in feltro da adagiare in prossimità della soglia di ingresso, sia per gli ospiti che per gli abitanti abituali della casa. Un’idea capace di rendere il tutto meno pesante e più gioviale potrebbe essere rappresentata da un piccolo cartello, da apporre all’ingresso e volto ad avvisare l’ospite.

Le caratteristiche principali dell’illuminazione con faretti a Led: guida all’acquisto

0

L'illuminazione è un elemento essenziale di ogni ambiente domestico, poiché consente di dare maggiore risalto agli aspetti positivi della casa, celando quelli negativi. La scelta del tipo di luce, inoltre, condiziona notevolmente la possibilità di rilassarsi al meglio, rivestendo un ruolo di primo piano riguardo al benessere all'interno delle mura della propria abitazione. In questo articolo analizzeremo nel dettaglio le caratteristiche dei dispositivi a led, per compiere una scelta più consapevole nel caso si fosse indirizzati verso questa moderna soluzione.

 

I vantaggi dell'illuminazione a led

Le case di nuova concezione presentano quasi tutte apparecchi con luce a led, che hanno radicalmente trasformato il concetto di illuminazione, rendendola più attuale ma soprattutto maggiormente efficiente. La spesa iniziale sarà certamente superiore rispetto ad altri tipi di lampadina, ma verrà ammortizzata rapidamente, grazie alla resa e alla durata nel tempo nettamente superiore. Infatti, se per una lampadina alogena si supponeva una durata media nominale che variava tra le 2.000 e le 5.000 ore, la nuova tecnologia led ha innalzato questo range con valori compresi tra 20.000 e 50.000 ore di funzionamento. Il degrado calcolato in percentuale è oggi solo 20% contro il 50% precedente garantendo quindi una efficienza nel tempo prima impensabile, mantenendo un'intensità della luce netta e costante, che non tende a diminuire a seguito dell'usura.

La manutenzione richiesta è pertanto quasi totalmente azzerata, grazie all'efficienza garantita a lungo termine, che non richiede alcun tipo di intervento umano. I dispositivi a led, inoltre, permettono il consumo di una quantità di corrente decisamente inferiore al normale, garantendo un notevole risparmio in bolletta a fine mese. La dimensione delle lampadine è nettamente ridotta rispetto a quelle alogene, risultando anche più gradevole alla vista una volta montata. L'aspetto innovativo di questo tipo di illuminazione è la mancata emissione di raggi UV e infrarossi, che evita pertanto che il dispositivo si scaldi eccessivamente risultando pericoloso per coloro che inavvertitamente potrebbero urtarlo.

Tale modalità assicura così una maggiore sicurezza anche nei confronti dei più piccoli, che in maniera del tutto accidentale potrebbero bruciarsi con un prodotto tradizionale.
La resa cromatica è piuttosto piacevole, consentendo la scelta tra una luce calda, più adatta a creare un clima intimo e rilassante, e quella fredda, migliore in contesti più formali e che richiedono una maggiore attenzione. Per stabilire se una luce è calda o fredda è necessario leggerne la temperatura espressa sulle confezioni con la lettera K (Kelvin). Fino a 3.300 k la luce sarà calda, tendendo al rosso per valori via via più bassi; da 3.300 a 5.300 k risulterà bianca o neutra mentre sopra la soglia dei 5.300 k viene definita fredda; aumentando la temperatura, la luce emessa tenderà al blu. Infine, và sottolineato che montare un corpo illuminante con funzionalità a led limita di molto l'emissione di CO2 nell'ambiente, a favore del pianeta in cui viviamo.

 

I luoghi più adatti per utilizzare i dispositivi a led

Se parliamo di toni caldi, essi si adattano perfettamente a quegli spazi dove abitualmente ci si rifugia per una dose di meritato relax dopo una giornata di lavoro. È consigliabile perciò, posizionare una bella lampada con luce di questo tipo in soggiorno, per godere della lettura di un libro, o in camera da letto, dove il livello di attenzione tende a scemare a favore di un clima più intimo e familiare.; questa gradazione si addice perfettamente anche alle camerette dei bambini. Queste tonalità si adattano perfettamente anche a locali di pubblico intrattenimento, come ristoranti e pub, dove le persone si riuniscono per rilassarsi e godere della reciproca compagnia, necessitando di un clima sereno e soffuso. Una cromia fredda, invece, si inserisce perfettamente in realtà come gli studi specialistici e gli ospedali, in quanto contribuisce a mantenere sempre salda l'attenzione e donare una veste formale a tutto l'ambiente circostante.

In linea generale una illuminazione con lampadine led, adeguatamente e strategicamente progettata, permetterà di far risaltare gli angoli migliori o gli oggetti di maggior pregio, magari direzionando dei faretti dal soffitto in modo da mettere in risalto le qualità della casa. Se desiderate quindi dotare la vostra abitazione o il vostro locale commerciale di un sistema di illuminazione moderno ed ecologico, quello a led fa esattamente al caso vostro, in quanto vi consentirà un notevole risparmio di energia pur mantenendo un'alta efficienza luminosa per tutto il ciclo di vita della lampadina. Piattaforme come casa-luce.it, metteranno a vostra disposizione una vastissima offerta di soluzioni per tutte le tasche.

Bando di gara dei distributori automatici

0

Le imprese del settore della distribuzione automatica sanno bene che per installare le proprie macchine nei luoghi pubblici esiste un bando di gara dei distributori automatici. Sì, che si tratti della vendita di snack, bevande, parafarmaci o di qualsiasi altro prodotto, in aree pubbliche o nei pressi delle farmacie, è necessario vincere un bando di gara.

Ma cos’è esattamente e come funziona? Lo scoprirai proseguendo con la lettura.

Bando di gara distributori automatici: cos’è e come funziona?

Il bando di gara è un vero e proprio atto amministrativo tramite il quale viene scelta un’impresa, il contraente, al quale affidare un contratto pubblico, che in questo caso riguarda il servizio di distribuzione automatica.

Il bando viene solitamente pubblicato sul sito web di una scuola o di un comune e deve specificare in particolare la descrizione dell’appalto (natura, entità e durata) oltre ai criteri di aggiudicazione e tutte le informazioni necessarie per poter partecipare.

Aziende di distributori automatici in gara

Le imprese che concorrono ad esempio sul comune di Roma devono quindi fornire tutta la documentazione richiesta, accettare le condizioni stabilite e inviare domanda di partecipazione entro il termine ultimo per la loro ricezione.

Nella data scelta, verrà effettuata l’apertura delle buste e indicata la ditta di distributori automatici a Roma ( www.distributoriautomaticiroma.info ) che si è aggiudicata la vittoria e l’appalto.

Bando distributori automatici scuola

Anche per quanto riguarda la fornitura di vending machines negli istituti scolastici, è necessario che il bando abbia specifiche caratteristiche.

Tutte le informazioni necessarie per la partecipazione alla gara devono essere pubblicate sul sito della scuola e devono includere il numero di distributori, i tipi di prodotti con cui rifornirli e la durata del servizio.

Dev’essere specificato anche in modo semplice e chiara come l’impresa interessata può presentare la propria offerta e quale documentazione è necessaria. Vanno elencati anche i requisiti necessari e gli obblighi dell’impresa vincitrice.

Vending machines Italia: bandi per uffici del comune

Come già indicato, anche il bando di gara per scegliere l’impresa fornitrice di distributori automatici per gli enti pubblici, come gli uffici comunali, deve essere ufficializzato tramite pubblicazione sul sito dell’ente in questione.

Dovrà contenere tutte le informazioni necessarie, inclusi il disciplinare di gara, i tipi di documentazione da presentare per prendere parte alla gara, nonché il termine ultimo per la presentazione.

Sempre il sito del comune renderà possibile consultare anche il capitolato speciale d’appalto, un documento che descrive nei particolari le condizioni amministrative e quelle tecniche che l’impresa vincitrice dovrà soddisfare.

Infatti, trattandosi in questo caso della fornitura di bevande ed alimenti, è particolarmente importante che i partecipanti ed eventuali vincitori della gara possiedano e forniscano il Manuale Autocontrollo HACCP, obbligatorio per tutte le attività del settore alimentare.

L’impresa di distributori automatici dovrà anche garantire che la pulizia e la sanificazione delle vending machines venga effettuata con regolarità e in armonia con le normative vigenti. Si assumerà anche la responsabilità di controllare lo stato di tutti i prodotti con cui rifornisce i distributori, scadenze incluse. Verificherà che i metodi di conservazione siano quelli indicati dalla casa madre produttrice di ogni singolo prodotto.

In conclusione, il bando di gara è l’unica maniera per stabilire e rendere note le caratteristiche indispensabili che il vincitore dovrà mostrare di avere. Lo stesso, quindi, potrà inoltrare la documentazione richiesta e assumersi l’onere di mantenere gli accordi presi e soddisfare gli standard di qualità per la distribuzione automatica richiesta.

Parliamo di semi di chia e dei superfood: cosa sono, come si usano e proprietà benefiche

0

Il cibo è parte integrante della nostra vita e la influenza sotto vari punti di vista. Le sue ricadute sono molteplici sulla nostra salute, sul nostro benessere e sullo stato psicofisico. Basti pensare ad esempio a come un pasto pesante influenzi la nostra produttività lavorativa, a causa della stanchezza e del senso di pesantezza provati. Per questo è importante conoscere gli alimenti che riescono ad avere un impatto positivo sul nostro organismo, così come ridurre il più possibile quelli artificiali che, così presenti nelle nostre diete, aumentano il rischio di obesità nella nostra società.

Ci sono dei cibi che vengono in nostro soccorso e le cui proprietà sono indiscusse. Come ci suggerisce il nome, i Superfood, sono alimenti che contengono al loro interno più vitamine e più nutrienti di altri che, inseriti in una alimentazione ben bilanciata, costituiscono una fonte di salute ineguagliabile. Ognuno di questi prodotti è caratterizzato da proprietà salutari che è bene imparare a riconoscere per poter apportare i giusti benefici e il corretto equilibrio al nostro organismo.

 

I semi di chia: cosa sono?

Per conoscere meglio i super alimenti, si può fare riferimento a un importante sito del settore: SuperFoodStore.it; tra questi alimenti formidabili, ci sono i semi di chia, i frutti di una pianta appartenente al genere della Salvia (di cui fanno parte anche il basilico, la menta, l’origano e la stessa salvia), specie hispanica.

Si tratta di un albero che si trova in natura nelle zone tropicali del nostro pianeta. Nel centro delle Americhe, in particolare in Messico, Guatemala, Nicaragua e Belize, era coltivata ed utilizzata per le sue proprietà benefiche già in epoca precolombiana.

 

Scopriamo le proprietà della chia

I semi di questa pianta sono così piccoli che si può rimanere stupiti nel leggere la quantità di elementi nutritivi che contengono e che ne fanno uno dei Superfood più ricchi e utili per il nostro organismo. Al loro interno ci sono molte vitamine, tra cui quelle del gruppo B (come tiamina e niacina) ma anche la vitamina C, di cui sono una fonte preziosa: 100 grammi di questi semi forniscono al nostro corpo il 50% di fabbisogno giornaliero di vitamine.

Troviamo anche una grande quantità di Omega-3, quegli acidi grassi che fanno tanto bene alla salute e che, non essendo sintetizzati direttamente dal nostro corpo, devono essere integrati nell’alimentazione con i giusti cibi. Sono anche una fonte inestimabile di nutrienti e sali minerali come calcio, manganese, fosforo, selenio, magnesio, rame e ferro.

Ricchissimi di fibre e di proteine ma poveri di carboidrati, sono particolarmente indicati nelle diete vegane o vegetariane, proprio per queste loro proprietà. Sono inoltre unici per la quantità di antiossidanti che troviamo al loro interno, tra cui fitocomposti come acido clorogenico, ferulico e caffeico, quercetina, campferolo, miricetina.

 

Quali sono i benefici sul nostro organismo?

Per le proprietà sopra descritte, questi semi offrono numerosi vantaggi, se correttamente integrati in una alimentazione equilibrata. Primo fra tutti, ricordiamo il grande aiuto per chi sta seguendo una dieta e desidera perdere peso. Essendo una grande fonte di calcio e di sostanze nutritive, i semi di chia aiutano infatti a normalizzare i livelli di glucosio nel sangue. Anche l’equilibrio intestinale può trarre giovamento dai frutti di questa pianta, che aiuta la digestione e la pulizia dell’intestino. Spesso si consiglia il consumo di questi semi in acqua ed è proprio a contatto con essa che sprigionano una sostanza gelatinosa in grado di proteggere i tessuti intestinali dai batteri e dalle scorie.

Questo composto, prodotto a contatto con il liquido, aumenta anche il volume dei semi, contribuendo a fornire un senso di sazietà. Oltre a quanto descritto, i semi di chia sono ottimi antiossidanti, in grado cioè di combattere i radicali liberi e i loro effetti negativi sul nostro corpo. Per le proprietà benefiche degli Omega-3 inoltre questa pianta ha capacità antinfiammatorie, utili anche nel caso di dolori articolari.

 

Come assumere i semi di chia? Ci sono controindicazioni?

Si tratta di un alimento molto versatile consumabile in molte varianti e ricette. Se si vuole godere di tutte le proprietà nutritive dei semi di chia, è indicato utilizzarli crudi. Si possono ad esempio sciogliere in acqua, nei cereali o nel muesli a colazione, come aggiunta nei frullati o in un mix di semi sulle insalate o nelle zuppe.

Si possono altresì cuocere: sono ottimi negli impasti delle torte o dei panificati. È opportuno ricordare che, come ogni alimento, deve essere bilanciato in una dieta equilibrata: un uso eccessivo (oltre i 20-25 gr al giorno) può provocare effetti lassativi, allergie o intolleranze.

 

Semi di chia: mangiare bene, aiutati dai Superfood.

Questi semi dai molteplici usi sono quindi dotati di grandi proprietà benefiche. Sono uno dei superfood più piccoli ma estremamente ricchi di nutrienti, utili per aiutarvi a uno stile di vita sano e una corretta alimentazione.

Tutti i vantaggi di passare ad un centralino telefonico voip

0

Perché scegliere il centralino telefonico voip

Il centralino telefonico voip è una delle innovazioni nel settore della telefonia più importanti che si siano avute negli ultimi anni. Questo perché si tratta di una tecnologia all’avanguardia e considerata del futuro che riuscirà a sostituire tutti quei servizi oramai obsoleti e in disuso. Il centralino telefonico voip permette di ottenere una quantità innumerevole di servizi, primo fra tutti una riduzione drastica dei costi sia per quanto riguarda le chiamate urbane che interurbane. Questo è possibile perché non si utilizza la classica rete telefonica ma di utilizza la rete internet.
La tecnologia voip permette di realizzare servizi e svolgere funzioni innovative, potendo essere utilizzato lo stesso voip over IP all’interno dell’azienda, riuscendo a gestire anche flussi di chiamate ingenti. Il centralino telefonico voip utilizza la rete dati presente in azienda e utilizzando un apposito software gratuito è possibile gestire le chiamate in modo totalmente autonomo, per ricevere chiamate da ogni parte del mondo.

Tecnologia voip: tutti i vantaggi

La tecnologia voip è la rivoluzione per la gestione delle chiamate all’interno delle aziende, poiché permette un’autonomia e una riduzione dei costi non indifferente. Inoltre questo servizio garantisce anche ulteriori benefici e funzionalità che vanno a vantaggio dello svolgimento aziendale. Il primo passo da compiere per installare questa tecnologia nella propria azienda è quello di affidarsi ai professionisti del settore, ad esempio la realtà imprenditoriale Floris srl offre un servizio di installazione e manutenzione dei centralini telefonici voip, garantendo un corretto supporto al cliente.
La tecnologia voip presenta un incredibile numero di vantaggi a differenza di quella tradizionale, vediamo nel dettaglio i principali:

  • Libertà e autonomia: il centralino telefonico voip permette di portare con sé il telefono collegato al voip e lavorare ovunque si vuole, anche dall’altra parte del mondo. Questa tecnologia permette un’autonomia e una libertà che non ha eguali. Poiché si collega alla rete internet e non occorre configurare niente se non possedere un’ottima connessione.
  • La portabilità del numero: con il centralino telefonico voip è possibile effettuare la portabilità del numero senza necessità di modificarlo e questo è un valore aggiunto soprattutto per quelle aziende che non hanno la possibilità di mettere a conoscenza i propri clienti del cambio numero.
  • Sicurezza: anche se le chiamate con la linea voip non sono criptate queste sono impossibili da intercettare in quanto bisogna possedere gli strumenti con il quale si trasferiscono le chiamate per poterlo fare.
  • Centralino libero: questo significa che le comunicazioni avvengono in contemporanea e il centralino risulta sempre libero senza dover mettere in attesa nuovi clienti. Si tratta sicuramente di una tecnologia adatta a tutte quelle aziende che voglio espandersi e migliorare il proprio business. Questa tecnologia permette notevolmente una migliore gestione del lavoro, offrendo numerosi servizi extra come menu vocali, audio conferenze e altro, il tutto compreso nella linea internet e senza nessun costo aggiuntivo.
  • La rivoluzione dei FAX: ebbene sì, con il centralino voip è possibile ricevere i fax comodamente sulla propria email, e questo è davvero un servizio innovativo molto utile per le aziende, senza la necessità di utilizzare la vecchia carta stampata, ma riuscendo a ricevere i comodi fax anche in modo digitale.
  • Credito prepagato: si tratta di un metodo di pagamento anticipato, ma che permette di agevolare la risoluzione di eventuali problemi, evitando stacchi del servizio o altro semplicemente ricaricando il credito telefonico attraverso bonifico o carta di credito, così da avere sempre la certezza di avere il servizio attivo.
  • Funzioni integrate: dato che il centralino telefonico voip si collega alla rete internet è possibile usufruire di funzioni extra, come la rubrica digitale o l’elenco telefonico, in modo da agevolare il proprio lavoro e avere un servizio totalmente digitalizzato.

Come funziona la caldaia a condensazione

0

Come funziona la caldaia a condensazione

Nel caso in cui si decidesse di sostituire un vecchio impianto di riscaldamento, oppure si crea la necessità di scegliere una nuova abitazione e quindi bisogna valutare quale sia l’alternativa migliore per il proprio riscaldamento, sarà opportuno valutare l’installazione di un impianto a gas che sia basato su una tecnologia a condensazione. Scegliere di montare una caldaia a condensazione può apportare diversi vantaggi, dal momento che il riscaldamento a gas si adatta a quasi tutti i tipi di abitazioni e consente di avere un elevato livello di benessere per il calore prodotto e per l’acqua calda utile a livello sanitario.

Fare una spesa del genere, cioè decidere di montare questa tipologia di caldaia consentirà di avere dei risvolti positivi sia per sè stessi che per il rispetto dell’ambiente. C’è da considerare come primo step che i costi per l’installazione di una caldaia a condensazione sono sostanzialmente bassi e con uno sforzo ridotto. Inoltre, si avrà anche un consumo di energia più basso, rispetto alla vecchia caldaia. Questi moderni sistemi di riscaldamento a gas sono progettati secondo una tecnologia tale da avere un grosso risparmio in merito ai costi che arriva fino al trenta per cento a confronto della tradizionale caldaia.

Fondamentalmente il riscaldamento a gas si basa su un principio abbastanza semplice, ma al tempo stesso sicuro. Si può contare su una rete di gas che è già pre-esistente, molto sviluppata che può essere abbinata ad un valido e moderno sistema di riscaldamento a pavimento oppure con i tradizionali radiatori. La base tecnologica sulla quale si fonda il funzionamento della caldaia a condensazione è stata nel tempo migliorata, tanto da arrivare ad usare l’energia in maniera sempre più produttiva, dal momento che garantisce un buon bilancio di anidride carbonica rispetto a qualunque altro combustibile fossile. Con l’inserimento nel futuro, di materie come l’idrogeno, il riscaldamento che si produrrà sarà ancora più ecologico. Per tale ragione, fare un investimento in una caldaia a condensazione significherà poter investire per un guadagno futuro, poiché non si tratta di una soluzione solamente temporanea, ma, anzi, grazie alla sua flessibilità e alla possibilità di poterla combinare con soluzioni di energia rinnovabili, ne conferisce una caratteristica vantaggiosa non indifferente.

Nello specifico, una caldaia a condensazione funziona in modo tale che l’acqua viene riscaldata attraverso il calore della combustione così come avviene nelle caldaie tradizionali, però c’è una differenza importante tra le due, cioè che la caldaia tradizionale nel suo processo disperde buona parte dell’energia termica che è stata creata con l’ausilio dei gas combusti buttati fuori dalla canna fumaria. La caldaia a condensazione, invece, si fonda su un processo che evita la dispersione del calore prodotto utilizzando anche l’energia dei gas combusti che vengono introdotti nello scambiatore primario. Il calore dei gas è lasciato allo scambiatore primario, i quali sono tradotti in condensa dopo che si sono raffreddati e vengono successivamente espulsi. Il calore che non si perde e viene raccolto lavora nello scambiatore primario, il quale come prima cosa scalda l’acqua e poi abbassa i costi del comfort.

Sicuramente l’installazione di una caldaia a condensazione apporterà dei vantaggi che saranno identificati in diverse ragioni. Innanzitutto, si può ottenere un’efficienza a livello energetico che arriva fino al novantotto per cento; si ha un grosso giovamento a livello di salute e di tutela dell’ambiente, dovuto alla tecnologia all’avanguardia che caratterizza questo criterio di riscaldamento il quale è basato su un basso livello di emissione di sostanze che inquinano.

Questa caldaia consente di ottenere che i consumi di gas scendano del trenta per cento circa, a confronto della caldaia tradizionale, un grande vantaggio in termini di costi. Inoltre, l’investimento iniziale per poter procedere all’installazione non è assolutamente elevato, tutt’altro si potrà montare una caldaia a condensazione senza essere costretti a fronteggiare una spesa eccessiva. Scegliere una moderna caldaia a condensazione dotata di una tecnologia affidabile consentirà di risparmiare in costi di gestione a lungo termine. L’aspetto da non trascurare è anche l’opportunità di essere validamente combinata successivamente, con una soluzione ad energia rinnovabile, come una pompa di calore, o un pannello solare.

Il modello di caldaia a condensazione con accumulo della Chaffoteaux si presenta con una potenza elevata e delle dimensioni compatte, dotata di una buona tecnologia per poter offrire un ottimo servizio anche ai più esigenti. Si tratta di una caldaia facile da gestire nelle sue componenti, con una tipologia di avviamento semplice, contraddistinta da una caratteristica di spurgo automatico e una regolazione della combustione fruibile direttamente. La sua manutenzione è semplice, perché i suoi componenti sono di facile accesso in maniera frontale. Questa caldaia ha la capacità di avere una riserva di quaranta litri attraverso i due interaccumulatori di cui è dotata composti di acciaio inossidabile. Il vantaggio che apporta è dato dall’accumulo di acqua calda per i sanitari e dalla sua produzione all’istante, quindi ci sarà un rifornimento di acqua calda sempre disponibile anche nel caso in cui si esaurisca la riserva di acqua calda accumulata.

Come eliminare la condensa in casa con gli infissi giusti

0

Come eliminare la condensa in casa con gli infissi giusti

La condensa è un fenomeno fisico che si verifica più comunemente nei mesi invernali. Durante l’inverno, infatti, si riscalda la casa accendendo termosifoni, camini o stufe e, pian piano, la temperatura all’interno dell’abitazione aumenta di molti gradi rispetto all’ambiente esterno. Quest’escursione termica provoca condensa, ovvero il formarsi di goccioline visibili sui vetri delle finestre e, per quanto si possa pensare che sia un fenomeno irrilevante, la condensa crea molti problemi in casa. Si nota principalmente sui vetri poiché sono impermeabili e non permettono alle goccioline di posarsi all’interno ma, la condensa, impercettibilmente, si diffonde in tutta la casa e penetra, silenziosa, all’interno delle mura.

Quali danni può creare la Condensa?

Il deposito continuo della condensa sulle pareti porta al loro deterioramento. Inizialmente si nota che l’intonaco che si gonfia e spacca, nei casi più eclatanti possono staccarsi anche le piastrelle dal muro.
Anche i mobili, soprattutto se in legno, sono soggetti a danneggiamenti, difatti l’umidità li porta a gonfiarsi e rompersi, in particolar modo la parte esterna, mentre i pannelli posteriori possono inumidirsi favorendo il depositarsi della muffa. Ed è proprio quest’ultima ad apportare i danni maggiori all’abitazione: muri, porte, vestiti, tappeti, letti, qualsiasi superficie può essere infestata dalla muffa, un fungo molto aggressivo noto per la sua capacità di diffondersi molto velocemente.

L’impatto sull’Uomo

Muffa ed umidità sono molto pericolosi anche per la salute. La muffa presenta delle micotossine che si depositano all’interno dell’organismo e, soprattutto, nelle vie respiratorie. Con il tempo, essa può favorire l’avanzare di un’allergia respiratoria che si manifesta con: tosse, naso chiuso, congiuntivite e raffreddore; nei casi più seri può portare anche ad ammalarsi di rinite e asma. Anche il mal di testa, l’emicrania e cefalea possono essere i sintomi di una lunga esposizione alla muffa.

Il Ruolo degli Infissi

Se gli infissi non sono in grado di isolare efficacemente la casa dagli agenti atmosferici e dall’umidità, bisogna provvedere con la loro sostituzione, installando porte e finestre performanti dal punto di vista dell’isolamento termico.
Per proteggere la casa da umidità, infiltrazioni e muffa la scelta degli infissi giusti è di primaria importanza per eliminare la condensa in casa in modo definitivo.
Gli infissi ad alte prestazioni, isolando l’abitazione, riducono anche i consumi energetici poiché mantengono una temperatura costante (calda in inverno e fresca in estate) diminuendo le ore di utilizzo di caloriferi, stufe, condizionatori ecc…

Come scegliere gli Infissi giusti

Il materiale è la caratteristica fondamentale di cui bisogna tener conto per avere un buon infisso. Per eliminare la condensa in casa si possono installare diverse tipologie di finestre. Vediamole nel dettaglio.

  • Finestre in Legno: il legno è un materiale naturale ed è un ottimo isolante. Oltre ad essere funzionali, gli infissi in legno valorizzano anche l’abitazione e, abbinabile all’alluminio e impiegato in forma lamellare, risulta resistenze alle deformazioni. Al contrario di come si possa pensare, le finestre in legno non necessitano di grande manutenzione grazie ai miglioramenti fatti, negli ultimi anni, da vari costruttori. Un’innovazione da segnalare è quella dell’azienda Navello che ha inserito all’interno dei serramenti una canalina (warm edge ovvero “bordo caldo”) in acciaio inossidabile e polipropilene, capace di isolare efficacemente la casa. Per maggiori approfondimenti basta collegarsi alla pagina navello.it/accessori/ferramenta/.
  • Finestre in PVC (Polivinile di Cloruro): il PVC è un polimero termoplastico ed è naturalmente isolante, un materiale di prima scelta per gli infissi. Non necessita di manutenzione nel tempo ed è molto resistente.
  • Finestre in Alluminio: se dotate di taglio termico, garantiscono buone prestazioni isolanti. In termini di efficienza energetica non sono però paragonabili alla resa degli infissi in legno e in PVC.

L’importanza della Posa in Opera

La posa in opera degli infissi consiste nel montaggio della finestra, un fattore fondamentale in grado di incidere per il 70% sulle prestazioni energetiche ed isolanti. Dunque, si consiglia di affidarsi a professionisti seri e qualificati che siano d’aiuto, nella scelta di quale tipologia di infissi acquistare e che effettuino un’installazione impeccabile.

Piccole attenzioni

Per eliminare la condensa in casa, una volta montati i nuovi infissi, è necessario prestare attenzione ad alcuni accorgimenti:

  • Evitare di stendere il bucato in casa. In caso non fosse fattibile aumentate il ricambio di aria oppure ricorrere ad un deumidificatore che elimini l’umidità dalla casa.
  • Aprire spesso le finestre per favorire il riciclo di aria soprattutto mentre si cucina, dopo aver usato la doccia e dopo aver stirato. In queste situazioni il calore sprigionato e, in caso della doccia l’umidità, favorisce la formazione di condensa.
  • Limitare il numero di piante in casa perché condizionano il clima interno dell’abitazione.

Anche se possono sembrare attenzioni banali, per eliminare la condensa in casa è importante osservare questi consigli perché, come anticipato, le conseguenze dell’umidità possono essere gravi e non incidono solo sulla struttura interna dell’abitazione ma anche sulla salute delle persone che vi vivono.

Bicicletta elettrica pieghevole: i migliori modelli

0

La bicicletta elettrica pieghevole è un mezzo di trasporto capace di chiudersi: progettata per spostarsi in città, è leggera come una normale bici ma allo stesso tempo comoda grazie alla pedalata assistita. Ecco dunque una guida all’acquisto contenente una classifica dei 6 migliori modelli di biciclette elettriche pieghevoli a pedalata assistita per tutte le esigenze quotidiane con tanto di pro e contro. Si tratta forse di una delle invenzioni più brillanti dell’ultimo periodo. Non è più una novità transitoria, ma una vera e propria rivoluzione di un prodotto che viene distribuito ad un pubblico del tutto nuovo. Questo singolare modello di bicicletta concede il beneficio di poter flettere il telaio e diventare molto ristretta nelle dimensioni in modo tale da poter essere messa da parte comodamente dove si vuole e di poterla trasportare ovunque senza correre il rischio che venga sottratta da qualche malintenzionato. Dal momento che sono stati affermati sia il comfort che l’efficacia di questo prodigioso biciclo, si è pensato di sostenerne l’impiego tramite il Decreto Rilancio che consente di godere di sostegni economici per procedere all’acquisto. Quello delle e-bike non è solo un avvenimento, ma una realtà confermata tanto che le grandi griffe di biciclette come Aimado, Valentini, Nilox e tanti altri hanno capitalizzato per ingrandire i loro modelli con la pedalata assistita. In collaborazione con il sito www.migliorebicielettrica.it abbiamo stilato una lista delle migliori migliori biciclette elettriche pieghevoli.

Biciclette elettriche pieghevoli: Le magnifiche 6!

Un modello in vetta alla classifica di bici elettriche pieghevoli può arrivare a costare quanto un’auto di classe medio-bassa, ma è anche vero che ci sono molte offerte a buon mercato che mirano al miglior rapporto qualità-prezzo. Ecco una lista dei 6 migliori modelli di biciclette elettriche pieghevoli di classe media:

  1. Argento Piuma è un’eBike flessibile ideale per l’uso giornaliero. Questo straordinario mezzo di trasporto può fare affidamento su impugnature in eco-pelle, cerchioni in alluminio e raggi neri. Come se non bastasse per agevolare l’asporto della batteria e dunque per poterla alimentare a casa, il piantone del sellino è sollevabile. Il motore elettrico presenta 250 W di potenza (limite permesso dalla legge), 30 Nm di coppia e può arrivare ad una velocità pari a 25 Km/h. La batteria da 375 Wh consente un’autonomia fino a 70 Km. Semplice da reclinare, la bicicletta possiede ruote da 20 pollici e di un visualizzatore con cui guidare le sue operazioni tra le quali i 3 piani di soccorso. Ha un peso di 22 Kg, quindi è un prototipo abbastanza pesante e non è dotato di uno schermo. Argento Piuma regge fino a 100 Kg. Il fabbricante inserisce una polizza Axa per guasti.
    https://www.amazon.it/dp/B088DVGHHD?tag=hdblit-api-21&linkCode=osi&th=1&psc=1&smid=A11IL2PNWYJU7H
  2. Gocylce GX è una bicicletta elettrica unica a 360 gradi. Esteticamente elegante, abbraccia un telaio in carbonio/magnesio che consente di moderare notevolmente il peso. L’eBike sulla bilancia fa registrare soltanto 15,5 Kg. Creata per la massima maneggevolezza, può essere richiusa senza problemi ed una volta fatto ciò occupa pochissimo spazio. Per quanto riguarda la parte tecnica possiede un motore da 250 W in grado di aiutare durante la pedalata fino a 25 Km/h. Il generatore ha una capacità di 375 Wh e promette un’autonomia fino a 80 Km. I freni sono a disco idraulici. Gocycle GX è anche wireless e infatti per mezzo di un’app sarà possibile in modo concreto e semplice coordinare tutte le attività e le modalità di utilizzo. Grazie ad una base per smartphone, è possibile mutare il proprio telefono in una specie di cruscotto computerizzato. Le ruote sono da 20 pollici con un sistema di sbottono immediato. Il peso massimo sostenibile è di 100 kg. Purtroppo non è un modello che possono permettersi tutti e il manubrio non può essere calibrato.
    https://www.amazon.it/dp/B07ZHJ27Y1?tag=smartdomoti09-21&linkCode=ogi&th=1&psc=1
  3. Gocycle GS è la secondogenita della GX. Propone sempre un look odierno ingemmato, grazie all’uso del magnesio il peso è stato racchiuso in soli 16,5 Kg. E’ facile da reclinare per merito di un meccanismo di sgancio veloce e sicuro delle ruote, inoltre la bici occupa pochissimo spazio. Il motore elettrico ha una potenza di 250 W e presenzia il ciclista sino a 25 Km/h. Ha un generatore da circa 300 Wh che tollera un’autonomia che può spingersi sino a 65 Km. La bici assicura la massima precauzione grazie a freni a disco idraulici. Le ruote sono da 20 pollici e il peso massimo consentito è di 100 Kg. Gocycle GS è una bici ad alta tecnologia, difatti grazie ad un’applicazione per smartphone iOS ed Android è possibile dirigere e monitorare molti aspetti tecnici del biciclo. Questo modello presenta gli stessi svantaggi del modello precedente.
    https://www.amazon.it/Gocycle-GS-Bicicletta-pieghevole-bianco/dp/B07ZH92VC3/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=gocycle+GS&qid=1611069904&s=sports&sr=1-1
  4. Himo Z20 è una eBike piegabile di Xiaomi provvista di una struttura in alluminio dal peso totale di 21,6 Kg. Il motore possiede una potenza di 250 W e sostiene i ciclisti sino a 25 Km/h, come previsto dalla legge. Il generatore da 360 Wh garantisce più di 650 sequenze di ricarica, consente alla bici di avere a disposizione un’autonomia sino a 80 Km. E’ dotata di un cambio a 6 rapporti, copertoni da 20 pollici e il peso massimo consentito è di 100 Kg. Inoltre nel sellino è inserita una piccola pompa per gonfiare le gomme. L’unica manchevolezza che ha è quella di non essere in grado di ammortizzare.
    https://www.amazon.it/HIMO-C20-Bicicletta-Pieghevole-ausiliaria/dp/B07Z3H67TS/ref=sr_1_8?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=349OTTJLMY135&dchild=1&keywords=himo+z20&qid=1611070495&s=sports&sprefix=himo+z2%2Csporting%2C286&sr=1-8
  5. NCM London NCM è un biciclo elettrico richiudibile che si contraddistingue per una caratteristica tecnica fondamentale: ovverosia la batteria da 540 Wh. Ciò le permette di poter usufruire di un’autonomia sino a 90 Km avvalendosi del livello Eco. Purtroppo, il mezzo non è leggero dal momento che sulla bilancia pesa oltre 24 Kg. Il motore elettrico da 250 W ha 6 livelli di soccorso e presta un ausilio al ciclista fino a 25 Km/h. La bicicletta ha una porta USB tramite la quale ricaricare i propri congegni elettronici mentre ci si muove. Il motore le permette di far muovere le 2 ruote ad una velocità di 7 km/h senza pedalare. La struttura pieghevole fa in modo che la bici possa essere rinchiusa anche negli spazi più angusti e senza il bisogno di ricorrere all’utilizzo di utensili. Oltre al problema del peso, questa bicicletta è poco confortevole per le persone dalla statura alta ed il portapacchi non è molto pratico da utilizzare.
    https://www.amazon.it/dp/B07NDVYHQZ?tag=hdblit-api-21&linkCode=osi&th=1&psc=1&smid=A2GX77CDOJ0YAC
  6. Per coloro che sono in cerca di una bici elettrica pieghevole dal prezzo appetibile, tra le migliori citate in questa classifica c’è anche l’i-bike i-Fold 20. Anche questo prototipo con ruote da 20 pollici è tra i più pesanti (24 Kg), ma ha un telaio abbastanza maneggiabile ed un sistema di chiusura facile e veloce. L’i-bike i-Fold dispone di freni a disco, cambio individuale, una forcella ammortizzata ed un motore ”senza spazzole” posteriore con una potenza pari a 250 W. Attraverso il comodo schermo LCD è possibile scegliere tra 3 livelli di soccorso in modo da optare per la tipologia di aiuto del motore che si richiede. La batteria è è da 288 Wh ed ha un’autonomia molto ridotta (30 Km). Il processo di rifornimento dura circa 6 ore. Inoltre tra i vantaggi c’è anche la fattibilità di ricaricare altri congegni elettronici tramite la porta USB.
    https://www.amazon.it/dp/B075MJL15R?tag=smartdomoti09-21&linkCode=ogi&th=1&psc=1